lunedì 2 marzo 2015

Le forze dell’IRAQ all’attacco dell’Isis per riconquistare Tikrit


Blindati iracheni in partenza per Tikrit
BAGHDAD, 2 marzo - Sostenuta da alleati combattenti sciiti e sunniti, le forze di sicurezza itrachene hanno iniziato oggi una grande operazione militare per riconquistare Tikrit, città natale di Saddam Hussein, dal gruppo estremista dell’Isis che l’aveva conquistata: sarebbe un passo importante in una campagna per riprendersi una grande fetta di territorio nord dell'Iraq, attualmente controllato dai militanti.
La città di Tikrit, circa 130 chilometri a nord di Baghdad, era caduta nelle mani dello Stato islamico la scorsa estate assieme alla seconda città più grande del paese, Mosul, e altre aree dopo il crollo delle forze di sicurezza nazionali. Tikrit è una delle più grandi città detenute dall’Isis e si trova sulla strada per Mosul.
Le forze di sicurezza non sono state finora in grado di riprendere Tikrit, ma lo slancio si è intensificato dopo che i soldati, appoggiato da attacchi aerei da una coalizione guidata dagli Stati Uniti, di recente hanno preso di nuovo la vicina città e la raffineria di Beiji. Qualsiasi operazione per conquistare Mosul richiede prima di riprendere Tikrit per la sua posizione strategica per esecuzioni militari.
La televisione Al-Iraqiya ha detto che le forze stavano attaccando Tikrit da direzioni diverse, supportate da artiglieria e raid aerei di caccia iracheni. Ha detto che i militanti sono stati sloggiati da alcune zone fuori della città, ma non ha fornito ulteriori dettagli.
L’Iraq è aspramente diviso tra minoranza sunnita, che era una base importante di sostegno per Saddam, e maggioranza sciita. La collaborazione tra i combattenti sciiti e sunniti in funzione da oggi è stato un importante sviluppo nella lotta contro lo Stato islamico. Il primo ministro Haider al-Abadi, uno sciita, ha invitato i combattenti tribali sunniti ad abbandonare il gruppo estremista, offrendo ciò che ha descritto come "l'ultima chance" e promettendo il perdono.

"Chiedo a coloro che sono stati ingannati di unirsi a loro popolo e alle forze di sicurezza, al fine di liberare le loro città", ha detto al-Abadi  durante una conferenza stampa a Samarra, 95 chilometri (60 miglia) a nord di Baghdad.
Posta un commento