mercoledì 25 marzo 2015

AFGHANISTAN, uomini armati sparano a pullman, 13 vittime


La polizia sulla strada tra Kabul e Kandhar
KABUL - Uomini armati hanno ucciso 13 passeggeri che viaggiavano su un autobus in Afghanistan il Martedì, sottolineando fragile situazione della sicurezza del paese mentre presidente Ashraf Ghani incontra Obama a Washington per discutere la tempistica del ritiro delle truppe americane.
L'attacco nella provincia di Wardak, che si trova vicino a Kabul, è l'ultimo a colpire i civili nei conflitti dell'Afghanistan.
Ataullah Khogyani, il portavoce del governatore provinciale Wardak, ha detto che il gruppo di uomini armati ha aperto il fuoco su un autobus intorno all’1:00 di martedì (21.30 di lunedì in Italia), uccidendo 13 persone tra cui una donna. L'autobus si stava dirigendo verso la città meridionale di Kandahar, una volta bastione dei talebani. "Dopo la sparatoria, le forze di sicurezza sono arrivate ​​nella zona e si sono scontrate con i ribelli - ha detto Khogyani .- Uno degli insorti è stato ucciso, gli altri sono fuggiti".

Il principale portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha negato di essere dietro l'attacco, anche se la zona dove è accaduto è nota per avere una forte  presenza militante.
Posta un commento