martedì 17 marzo 2015

ARRESTATO il marito, autore del femminicidio di BRESCIA

Alessandro Musini
CASTENEDOLO (Brescia) - Angela Mura, 54 anni, è l'ultima vittima di femminicidio in Italia. La donna, trovata con il cranio sfondato, è stata uccisa in casa a Castenedolo, in provincia di Brescia. Per l'omicidio era ricercato il marito, Alessandro Musini, preso nel capoluoho dopo circa 24 ore di fuga. A lanciare l'allarme all'ora di pranzo di lunedì è stato il figlio 15enne, che ha trovato il corpo della madre in una pozza di sangue. La coppia era sul punto di separarsi.
Si tratta di una famiglia di origina sarda, trapiantata da anni nel paese in provincia di Brescia. Il marito della donna, operaio 50enne in un'azienda di Montichiari, nel Bresciano, e con qualche piccolo precedente penale alle spalle, lunedì non si è presentato al lavoro e i carabinieri lo hanno cercato per ore. Era fuggito su una Opel Astra grigia. E' stato rintracciato in una zona semicentrale di Brescia.
E' stata una cittadina ad avvertire gli agenti che sono intervenuti e hanno bloccato l'uomo per poi portarlo al Comando provinciale dei carabinieri di Brescia. Ancora nessuna traccia, invece, dell'arma del delitto. A tal proposito i cassonetti dell'immondizia posti proprio all'esterno dell'abitazione teatro dell'omicidio sono stati sequestrati alla ricerca dell'oggetto utilizzato per uccidere Angela Mura. In casa mancherebbero alcuni oggetti da lavoro. Sarà però l'autopsia disposta dal pm della Procura di Brescia, Francesco Piantoni, a stabilire con certezza la natura dell'oggetto usato.

La donna era vedova del primo marito, morto in un incidente in moto, e dal quale aveva avuto una figlia, che vive in Sardegna, e un secondo figlio di 20 anni, residente invece nel Bresciano. La donna ha avuto poi il terzo figlio da Alessandro Musini, che aveva sposato anni fa. La famiglia da tempo aveva gravi problemi economici. Lei ogni tanto faceva la badante per gli anziani del paese, mentre lui aveva trovato un impiego da poco.
Posta un commento