martedì 31 marzo 2015

AREZZO, imprenditore edile spara alla moglie con una doppietta, poi si suicida


AREZZO, 31 marzo - Dramma in località Monastero, tra i comuni di Bagnoro e Santa Firmina, nell'Aretino: marito e moglie sono stati trovati senza vita nella loro abitazione. Si tratta di Graziano Rossi e Maria Paola Trippi, entrambi 50enni, lui impresario edile affermato, lei casalinga. L'allarme poco dopo la mezzanotte: a scoprire i corpi i figli che vivono nella stessa villetta. L'arma che ha sparato è una doppietta, fucile da caccia detenuto nell'abitazione. Si pensa a un omicidio-suicidio.

L'uomo, poco dopo la mezzanotte, avrebbe esploso un primo colpo di fucile, sembrerebbe una doppietta da caccia, contro la moglie, che era a letto e forse dormiva. Poi avrebbe rivolto l'arma verso di sé togliendosi la vita. Entrambi i corpi sono stati trovati in camera. Sono stati i familiari, probabilmente svegliati dai colpi, a dare l'allarme. Inutile l'intervento del 118. Le salme sono state poi trasportate all'obitorio dell'ospedale San Donato a disposizione della procura di Arezzo.
Posta un commento