mercoledì 18 marzo 2015

PORDENONE, coppia uccisa in un'auto. Omicidio-suicidio o esecuzione?

Teresa Costanza
Trifone Ragone
PORDENONE, 18 marzo - Due persone sono state trovate morte all'interno di un'auto nel parcheggio del Palazzetto dello sport di Pordenone con ferite da arma da fuoco alla testa. Si tratta di un uomo di 29 anni, Trifone Ragone, e di una donna, Teresa Costanza, di 30, entrambi del Sud. Alcuni bossoli sarebbero stati trovati accanto alla vettura. Forse si tratta di un omicidio-suicidio.
L'allarme è stato dato da un istruttore di judo che, uscendo dal Palazzetto, ha notato l'auto con i vetri in frantumi e i due corpi all'interno.
rifone Ragone, 29 anni, era originario di Monopoli (Bari), sottufficiale dell'Esercito in servizio al 132/o Reggimento Carri di Cordenons, che fa parte della Brigata Corazzata Ariete. Teresa Costanza, 30 anni, era originaria di Agrigento, laureatasi alla Bocconi nel 2010 in Marketing Management ed ora dipendente delle Assicurazioni Generali. 
La coppia, da quanto si è appreso, viveva a Pordenone da un paio d'anni. L'uomo era piuttosto noto negli ambienti della pesistica dove aveva ottenuto anche buoni risultati agonistici. Un paio d'anni fa, aveva anche vinto la selezione di Lignano (Udine) del concorso di "Mister Friuli Venezia Giulia". Prima di essere trovato morto, il 29enne aveva effettuato un ultimo allenamento. 
La zona è stata immediatamente transennata per permettere i rilievi degli esperti della Scientifica. Gli inquirenti si sono stretti nel riserbo più assoluto: in un primo momento, era circolata la voce che accreditava la tragedia come un omicidio-suicidio, ma i successivi rilievi hanno tolto alcune certezze e taluni elementi non convincono gli investigatori, i quali non hanno affatto escluso che i due giovani possano essere stati freddati da una terza persona. Saranno decisivi gli accertamenti nelle prossime ore e l'autopsia sulle vittime.
Posta un commento