lunedì 2 marzo 2015

NEPAL, pedofilo canadese condannato a 7 anni per violenze su minore handicappato

Il canadese pedofilo viene portato in tribunale

PATAN (Nepal) - Un tribunale nepalese ha condannato il cittadino canadese Ernest Fenwick MacIntosh, 71 anni, a sette anni di carcere e l'equivalente di 9mila euro di multa, riconosciuto colpevole di violenze sessuali su un ragazzo minorenne handicappato alloggiato in un centro sociale di Lalitpur, distretto che fa parte della zona di Bagmati nella Regione Centrale, con capoluogo PatanMacIntosh aveva violentato il ragazzo, che ha solo un braccio, offrendogli doni e supporto mediale promettente per avere un braccio protesico.
Il detenuto ha una storia di violenze sessuale nei confronti dei bambini. Nel 1970, MacIntosh era stato indagato con l'accusa di aver aggredito sessualmente quattro ragazzi in Canada. Nel 2011 molte delle accuse sono state cancellate da un tribunale in Canada perché il suo caso aveva impiegato troppo tempo per arrivare a processo.  MacIntish era stato estradato dall'India al Canada nel 2007 per casi analoghi.  MacIntosh, che era arrivato in Nepal con un visto turistico nello scorso agosto, aveva contattato il Centro-gesuita di St Xaviere per i bambini senza casa, con un'offerta di donazioni.
Il caso sottolinea i problemi degli orfanotrofi del Nepal, alcuni dei quali sono stati colpiti da accuse di abuso sessuale, corruzione e frode negli ultimi anni. Anche se è illegale fare volontariato in Nepal con un visto turistico, funzionari degli orfanotrofi spesso consentono agli stranieri di trascorrere del tempo con i bambini in cambio di donazioni. E i controlli sono raramente condotti su quelli che si offrono di aiutare.
Nel mese di agosto 2012, il britannico Simon Jasper McCarty è stato dichiarato colpevole di aver abusato sessualmente di tre ragazzi che incontrava in Nepal. Nel dicembre 2010, il francese Jean-Jacques Haye è stato condannato per aver violentato 10 bambini in un orfanotrofio Kathmandu.

Patan, capoluogo del distretto di Lalitpur

Posta un commento