mercoledì 4 marzo 2015

RIFORMA della prescrizione, caos nella maggioranza in commissione alla Camera

ROMA, 4 marzo - Area popolare (Ncd e Udc) voterà contro il testo di riforma della prescrizione all'esame della commissione Giustizia della Camera perché, dice il capogruppo Alessandro Pagano, "si rischia di portare il termine della prescrizione a 25-30 anni, inammissibile per un Paese civile". Ma il ministro Maria Elena Boschi assicura: "Stiamo lavorando. La maggioranza ha già individuato un'ipotesi d'accordo. Sono molto fiduciosa".
In commissione, i relatori Dambruoso e Amoddio, con parere favorevole del governo hanno proposto un aumento dei tempi di prescrizione per i reati di corruzione più gravi: con l'emendamento i tempi per la prescrizione sono pari agli anni della pena massima aumentati della metà (e non più di un quarto). Favorevoli Pd e Sel, si oppongono Ncd e Forza Italia.

La commissione Giustizia della Camera riunita sul testo di riforma della prescrizione "rischia di mandare a casa il governo Renzi". Lo dice il capogruppo Ncd, Alessandro Pagano, che ha votato contro il testo di riforma. "E' irrispettosa del metodo - spiega - noi siamo forza di maggioranza in questa commissione che è ideologizzata". "Se la commissione ha deciso di mandare a casa il governo Renzi se ne prenda atto - conclude - in nome di una presunta autonomia se ne fregano delle posizioni della maggioranza".
Posta un commento