lunedì 6 aprile 2015

Le forze francesi in Mali liberano ostaggio olandese prigioniero di al Qaeda da 4 anni

Sjaak Rijke
PARIGI,  6 aprile - L'ostaggio olandese rapito quattro anni fa in Mali dai miliziani di Al Qaida nel Maghreb islamico (Aqim) collegati ad al Qaeda è stato liberato dalle forze speciali francesi ed era stato trasferito "sano e salvo" ad una base temporanea in Tessalit, nel nord-est del Paese. Lo ha annunciato il ministero della Difesa francese, riferisce France24. L'ostaggio, Sjaak Rijke, era stato rapito a Timbuktu il 25 novembre del 2011.
Forze francesi hanno anche ucciso due militanti e catturato altri due durante lo scontro che ha avuto luogo durante l'operazione di questa mattina , ha detto il tenente colonnello Michel Sabatier, un portavoce di Barkhane, l'operazione di contro-insurrezione francese nella regione.
Il ministro degli Esteri olandese Bert Koenders ha detto che Rijke era in buone condizioni considerando le circostanze ed è sottoposto a trattamento medico sotto controllo olandese.
"La liberazione del signor Rijke sottolinea la determinazione incrollabile della Francia di combattere i gruppi terroristici armati nella regione del Sahel, come parte dell'operazione Barkhane", ha detto il ministero francese in un comunicato.
I rapitori nello scorso novembre avevano pubblicato un video di Rijke insieme ale francese Serge Lazarevic, tenuto prigioniera nel Sahara per tre anni ed poi rilasciato il mese successivo, in cambio di quattro militanti islamici con legami con al Qaeda in Nord Africa.
La Francia ha lanciato un intervento contro i militanti legati ad al Qaeda nella sua ex colonia Mali nel gennaio 2013.
Da allora è stati creato Barkhane, una forza di contro-insurrezione di 3000 uomini per rintracciare militanti islamici, tra cui AQIM, attraverso il deserto del Sahara che si estende attraverso cinque paesi dal Ciad a est alla Mauritania a ovest.

Truppe olandesi sono stati dispiegati in Mali come parte di missioni di sicurezza e di mantenimento della pace sotto l'egida delle Nazioni Unite.
   
Posta un commento