mercoledì 15 aprile 2015

COLOMBIA, c’è la tregua ma le FARC attaccano, 10 soldati uccisi

L'evacuazione dei feriti da La Esperanza verso l'ospedale di Calì

La caccia agli assalitori
BOGOTA', 15 APR - Dieci militari sono morti in un attacco attribuito alle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc) nella città de La Esperanza nel comune di Buenos Aires, nel nord Cauca (sudest del Paese), compromettendo la tregua proclamata dal gruppo armato a dicembre. "Questa è esattamente la guerra alle quale vogliamo porre fine", ha commentato su Twitter il presidente Juan Manuel Santos.
Il generale Mario Valencia, comandante della Divisione Terza Armata, ha rivelato che i soldati sono stati attaccati con "esplosivi, granate e armi da fuoco", martedì notte. Il funzionario ha aggiunto che le truppe della brigata cellulare 17 Apollo Task Force dell’esercito, che opera in questa regione, stava effettuando  operazioni di controllo del territorio a La Esperanza quando sono state attaccate. Seriamente ferito un sottufficiale e due soldati; sei altri sono stati feriti e 11 leggermente colpiti dall'onda delle esplosioni. Ucciso un sospetto guerrigliero che era vestito di nero e aveva un fucile, ha aggiunto il funzionario.

Fonti dell'esercito hanno confermato che i soldati che sono morti sono nove soldati professionisti e un sergente. A quanto pare, l'attacco è stato commesso dai guerriglieri armati di fucili e granate che hanno sorpreso le truppe, secondo l'intelligence militare. Tre ambulanze hanno trasferito alla Lili Clinic di Cali il sergente e nove soldati bisognosi di cure. La Farc ha detto che la morte di dieci militari è dovuto all’incoerenza del Governo che "sta comandando le operazioni militari contro guerriglia malgrado la tregua".
Posta un commento