domenica 19 aprile 2015

ARABIA SAUDITA, giustiziata per decapitazione baby sitter indonesiana accusata di omicidio

La madre della baby sitter decapitata in Arabia Saudita con una foto della figlia
RIAD - L’Arabia Saudita ha giustiziato una collaboratrice domestica indonesiana, due giorni dopo la decapitazione un'altra donna indonesiana, giudicata colpevole di omicidio.
Nell'ultimo caso, Karni Binti Medi Tarsim è stata condannata per aver ucciso un bambino a lei affidato. In entrambi i casi, il governo indonesiano ha convocato l'ambasciatore dell'Arabia Saudita a Giakarta in segno di protesta.
L’esecuzione di Medi Tarsin nell’Arabia Saudita occidentale è venuta due giorni dopo che Siti Zainab era stata decapitata per omicidio.
In una dichiarazione sul caso di Tarsim, il ministero degli Esteri indonesiano ha espresso "rammarico e delusione" perché i suoi rappresentanti non avevano ottenuto alcuna informazione sul tempo, luogo o metodo di esecuzione, anche se un funzionario indonesiano aveva avuto il permesso di visitare la condannata un giorno prima che la sentenza fosse effettuata.
I funzionari dicono che la collaboratrice domestics di 37 anni ha accoltellato a morte un bambino di quattro anni nella città di Yanbu nel 2012. 
"Il governo indonesiano ha fatto del suo meglio per fornire una protezione legale e ha chiesto il perdono della famiglia della vittima, con l'obiettivo di ottenere la  commutazione della condanna a morte di Tarsim ", ha detto il ministero degli Esteri. Ma la famiglia si è rifiutata.

Una ONG che si batte a favore dei lavoratori espatriati indonesiani, ha affermato che Zainab, l’altra giustiziata,  aveva agito per legittima difesa contro un datore di lavoro che aveva abusato di lei. Per Amnesty International la donna era stata forzata alla “confessione” durante gli interrogatori della polizia, ma non aveva avuto contare su alcuna rappresentanza legale o su contatti con un rappresentante consolare.
Posta un commento