giovedì 29 maggio 2014

Squinzi (Confindustria): anche quest'anno poca crescita e niente lavoro

Giorgio Squinzi
ROMA - "Temo che anche quest'anno la crescita che vorremmo vedere non ci sarà e, assieme alla crescita, non ci sarà il lavoro" avverte Giorgio Squinzi all'assemblea di Confindustria. "Non è questa l'Italia che vogliamo. Non ci rassegniamo a un Paese stanco, sfiduciato, vittima di mali antichi, astruso e ostile alla cultura d'impresa". E' arrivato, quindi, "il momento di costruire un'Italia nuova" è il messaggio del presidente di Confindustria, che chiede di "superare le vecchie logiche, non avere paura del nuovo". Dalla crisi "possiamo uscire solo decidendo ciò che da almeno 2 decenni non abbiamo avuto il coraggio di fare. Cambiare decidendo". 
Renzi ha forte mandato popolare, ora i fatti - "Il mandato popolare" al Pd ed a Renzi, dice Squinzi, "testimonia la voglia di cambiamento che c'è nel Paese. Questa voglia attende fatti che diano sostanza alle riforme e alla crescita". Il presidente di Confindustria riconosce "incoraggianti segni di cambiamento", una "azione vivace", e dopo il voto chiede che "la stagione delle riforme istituzionali adesso parta davvero". "La nostra disponibilità - assicura Squinzi - è immutata e completa", ma "fate le riforme, ne abbiamo bisogno per ricreare lavoro, reddito, coesione sociale. Non deludeteci". "Senza riforme - ha aggiunto - è impossibile agganciare la crescita".
'Legare salari a risultati, no nuovo contratto ma indeterminato sia più conveniente' - L'articolo 41 della Costituzione, quello che stabilisce che l'iniziativa economica privata è libera in Italia "non è più un diritto garantito" secondo Squinzi, che si riferisce a "rigidità sindacali" e burocrazia. "Confindustria - dice - non lo può accettare. Le imprese sono un bene di cui il Paese dovrebbe essere orgoglioso". Bisogna intanto "favorire la contrattazione aziendale virtuosa, che lega i salari ai risultati aziendali", cioè "privilegiare la natura dei salari, piuttosto che la loro fonte e consentire di decontribuire e detassare quello di produttività anche se nasce dall'autonoma decisione dell'imprenditore". Confindustria chiede anche di "semplificare e migliorare la disciplina del contratto a tempo indeterminato, rendendolo più conveniente e attrattivo per le imprese" ma non c'è invece bisogno, avverte Squinzi, "di un nuovo contratto neppure a tutele crescenti''. Poi l'appello al sindacato: "Guardiamo al mondo. Non chiudiamoci conservativamente nel nostro familiare ma ristretto orizzonte domestico. Il tempo delle eterne liturgie è trascorso". Per questo "dal sindacato mi aspetto uno sforzo di innovazione".
'Fuori da Confindustria chi corrompe' - "Chi corrompe fa male alla comunità e al mercato", "grave danno alla concorrenza e ai suoi colleghi. Queste persone non possono stare in Confindustria", avverte Giorgio Squinzi, dopo un cenno all'importanza per l'Italia di Expo2015. Leggi e poteri speciali? "La soluzione non sta nel darsene di nuove sta nell'applicare quelle esistenti", avverte.
Posta un commento