sabato 31 maggio 2014

Maradona-Equitalia, primo tempo al “Pibe de Oro”


NAPOLI - Il primo tempo della battaglia tra Maradona e il Fisco italiano va al "Pibe de Oro". Equitalia ha infatti stabilito di sospendere i pignoramenti verso terzi delle somme delle quali l'ex giocatore risulta creditore. La decisione rende esecutivo un provvedimento della commissione tributaria provinciale di Napoli, in attesa di ulteriori sviluppi. Il contenzioso, che si trascina da più di 10 anni, può così avviarsi a una conclusione.
La nota di Equitalia sud è di poche righe e ha la data di IERI, 30 maggio. In essa si dispone la sospensione, "in attesa di ulteriori comunicazione, ogni erogazione delle somme pignorate alla scrivente Agenzia della Riscossione".  Maradona, assistito dall'avvocato Angelo Pisani, ha sempre sostenuto di non essere un evasore, e anche di recente ha prodotto dossier e perizie per sostenere le sue ragioni.

"Oggi una svolta in quella che sembrava una persecuzione storica". Angelo Pisani, difensore di Maradona, esulta alla sospensione dei pignoramenti verso terzi disposta da Equitalia. "La Cassazione nel 2005 dichiarò inammissibile un ricorso di Maradona all'avviso di mora. Ma mai nessun giudice lo ha condannato a pagare alcunché al fisco. Ora la giustizia tributaria accerterà l'inesistenza della violazione restituendo a Diego la vera immagine di uomo rispettoso dei valori e della legge".
Posta un commento