giovedì 1 gennaio 2015

BOTTI DI CAPODANNO, quest’anno siamo stati più bravi, meno feriti


ROMA, 1 gennaio - Gli italiani sembrano cominciare ad usare i botti con prudenza. E' quando si evince dal bilancio della Polizia che registra negli ultimi due anni l'assenza di decessi e un sensibile calo dei feriti. In particolare i feriti sono diminuiti del 30% assestandosi sui 251 a fronte dei 361 dello scorso anno. In calo anche il numero dei minori feriti, 68 contro gli 89 del 2014.
Secondo il bilancio diffuso dalla Polizia, diminuiscono anche i ferimenti dovuti all'uso di armi da fuoco, 7 rispetto agli 11 del 2014. In diminuzione anche la gravità delle lesioni: i feriti lievi con prognosi inferiore o uguale ai 40 giorni sono 241 a fronte dei 345 del 2014. quelli più gravi, cioè quelli con prognosi superiore ai 40 gg, sono 12 rispetto ai 16 dello scorso Capodanno. Le patologie tipiche dello scoppio di prodotti pirotecnici sono i traumi e le ustioni. In particolare rimangono maggiormente lesionate le mani (frequenti sono le fratture e le amputazioni di dita o falangi) a causa degli effetti degli artifici di ogni genere; il volto e le parti basse del collo. Ingente l'impegno delle forze di polizia nell'attività di sequestro di botti illegali. In particolare sono stati sequestrati: 1.514 lanciarazzi; 6 armi comuni da sparo; 69.907 munizioni; 429 kg di polvere da sparo; 63.049 kg di manufatti appartenenti alla IV e V categoria Tulps; 2.648 Kg di manufatti recanti la marcatura "CE"; Kg. 1.568 di prodotti comunque non riconosciuti e cioè non ricompresi nelle categorie Tulps o "CE" perché illegali, non correttamente etichettati, non conformi alle norme CE, non rispondenti ai decreti di riconoscimento e classificazione, abusivi e/o altro; 282.809 pezzi di articoli pirotecnici di varia natura.

L'esplosione di un pacco di petardi in un edificio di corso Protopisani, alla periferia est di Napoli, ha costretto allo sgombero 14 famiglie residenti nello stabile, dove lo scoppio ha provocato il parziale crollo dell'androne e danni alle parti esterne di alcuni appartamenti. Lo sgombero dovrebbe durare due o tre giorni, il tempo necessario per eseguire le verifiche e i lavori di consolidamento dell'androne.
Posta un commento