martedì 20 gennaio 2015

ROMA, scoppia bombola di gas in una palazzina, un morto e 13 feriti. Atto doloso?


Via Giuseppe Galati
ROMA, 20 gennaio - Esplosione e fiamme in un palazzo alla periferia di Roma: un 50enne napoletano è morto e 13 persone sono rimaste ferite, una in codice rosso, e trasportate in ospedale dal 118. La vittima è di origini napoletane: l'uomo è stato trovato senza vita nel bagno senza finestra di un appartamento al piano superiore rispetto a quello da cui è partita l'esplosione. Probabilmente vi si era chiuso per paura ed è morto per intossicazione da fumo. E' accaduto intorno alle 3 in via Vito Giuseppe Galati, in zona Palmiro Togliatti nella zona est della capitale. L'esplosione sarebbe partita da un'appartamento lasciato vuoto da un'inquilina sfrattata: all'interno c'era una bombola di gas. Secondo quanto si è appreso, l'inquilina era stata sfrattata poco tempo fa e il gas della cucina era chiuso e sigillato. Non si sarebbe trattato di un incidente, ma di un vero e proprio atto doloso.  "Si è sentito un boato fortissimo" racconta un soccorritore. Danneggiate anche quattro auto parcheggiate in strada."Per la paura due persone si sono lanciate dalla finestra" hanno raccontato testimoni. Diversi i feriti portati in ospedale. 14 al momento con ambulanze del 118 di Roma più altri avrebbero raggiunto i pronto soccorso con mezzi propri. Il più grave, quello in codice rosso, ha vari traumi.
Posta un commento