venerdì 16 gennaio 2015

ESECUZIONI in Usa: se 18 minuti vi sembran pochi per morire

Charles Warner e Johnny Kormondy
NEW YORK - Due assassini condannati sono stati messi a morte con un'iniezione letale dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di intervenire.
L'esecuzione in Oklahoma di Charles Warner, uno stupratore condannato e assassino, è stata la prima in Oklahoma dalla controversia sulla morte di Clayton Lockett in aprile.Oklahoma aveva ordinato una revisione delle esecuzioni dopo il tentativo fallito di uccidere Clayton Lockett, che avdva impiegato 43 minuti per morire.
In questo caso, secondo i funzionari della prigione Oklahoma hanno detto che l' esecuzione di Warner per l'uccisione di una bambina di 11 mesi nel 1997 a Oklahoma City è durata 18 minuti.
A circa la stessa ora in Florida è stato messo a morte Johnny Kormondy, 42anni, per la sparatoria del  1993 a  Pensacola in cui fu ucciso il banchiere Gary McAdams: la moglie era stata stuprata.
Le esecuzioni erano state contestate dagli avvocati che hanno contestato l'impiego di midazolam, un sedativo, che faceva parte del cocktail di tre farmaci utilizzato per effettuare le uccisioni.
Gli avvocati hanno sostenuto che il midazolam era incapace di rendere il prigioniero sufficientemente inconscio di evitare la sofferenza, mentre il resto del cocktailfaceva effetto.
Midazolam aveva rivelato problemi in altri stati, tra cui Arizona e Ohio, con la morte del condsnnato che aveva prrso più tempo del previsto.
Nelle ultime esecuzioni Oklahoma ha rispecchiato la ricetta usata da Florida, che ha comportato l'aumento del sedativo di cinque volte.
Gli Stati Uniti hanno dovuto affrontare gravi problemi nella ricerca di farmaci accettabili per esecuzioni dal 2011, quando la Commissione europea ha vietato l'esportazione di otto barbiturici per gli Stati Uniti perché potevano essere utilizzati per eseguire la pena di morte.
I farmaci vietati includevano pentobarbital e sodio tiopentale, che era stato utilizzato dalla maggior parte degli stati che usano l'iniezione letale come metodo di esecuzione.
Anche se la maggioranza della Corte Suprema si è rifiutata di intervenire in Oklahoma e Florida, il ministro della Giustizia Sonia Sotomayor  ha scritto: "Gli imputati hanno commesso crimini orribili, e devono essere puniti, ma l'ottavo emendamento garantisce che nessuno dovrebbe essere sottoposto ad una esecuzione che causa dolore inutile prima della morte.".
Posta un commento