venerdì 22 maggio 2015

WASHINGTON DC, stermina famiglia bene e da fuoco alla casa. Preso

Due immagini dell'omicida
WASHINGTON, 22 maggio - E' stato arrestato nel nord est di Washington Daron Dylon Wint, 34 anni, il sospetto omicida che avrebbe sterminato tre componenti di una famiglia benestante della città e la loro domestica. I cadaveri dei quattro, Savvas Savopoulos, un facoltoso uomo d'affari, di sua moglie Amy e del figlioletto di 10 anni Philip e della governante Veralicia Figueroa sono stati trovati all'interno della casa divorata dalle fiamme. Ma tre dei quattro cadaveri mostrano segni di torture e ferite.
Sceriffi federali hanno rintracciato Wint nella notte di giovedi a College Park, mentre viaggiava in un bianco Chevrolet Cruze. Il sospetto era in viaggio con due donne, e una di loro era alla guida. Il Cruze seguiva un furgone bianco, che aveva due  neri dentro. Almeno uno degli uomini è un parente di Wint, ha detto il funzionario di polizia.
Entrambi i veicoli sono stati fermati dagli ufficiali  vicino a 10th Street e Rhode Island Avenue NE. La polizia ha trovato almeno  10.000 dollari in contanti nel furgone e le donne del Cruze e gli uomini nel furgone sono stati arrestati La caccia all'uomo per Wint si era estesa a New York, dove aveva parenti e conoscenti a Brooklyn.
Wint è stato accusato omicidio di primo grado. La polizia ha detto che non è ancora chiaro il  motivo degli omicidi della scorsa settimana. Le autorità hanno detto  che le vittime sono state fatte prigioniere il 13 maggio e uccise il giorno successivo, prima che la casa multimilionaria fosse data alle fiamme

Wint aveva lavorato per American Iron Works, un grande distributore di ferro e acciaio con sede a Hyattsville e gestito da Savvas Savopoulos, che insieme con la sua famiglia era attivo nei circoli di business e di raccolta fondi della società di Washington. Wint era un saldatore certificato e ha una lunga storia di presunte aggressioni e di comportamenti minacciosi, secondo le forze dell'ordine e il casellario giudiziario
Posta un commento