martedì 12 maggio 2015

RENZI, la sinistra masochista può rianimare FI in Liguria

ROMA, 12 maggio - “Il Pd fa i conti con una grande opportunità e una crisi di crescita, se vedo i numeri di quelli che se ne sono andati e chi è arrivato, soprattutto da Sel, il numero è positivo. Siamo aumentati anche nell'ala sinistra. Non è vero che c'è il rischio di smottamento al centro". Così Matteo Renzi, al videoforum di Repubblica tv, nega derive centriste del Pd.
"In Liguria che è oggettivamente l'ultima spiaggia per Berlusconi, la sinistra masochista ha chiesto primarie e le ha perse e anziché accettare il risultato, lo ha rimesso in discussione e ha scelto un candidato contro quello ufficiale del Pd e lo fa non per vincere ma per far vincere Toti. FI ha una sola possibilità di essere rianimata ed è la sinistra masochista". Renzi sottolinea come, in Liguria come in gran Bretagna è la "sinistra riformista" che vince.
"Alcuni candidati mi imbarazzano eccome, però dico che liste Pd sono pulite. Noi siamo intervenuti in modo molto forte sul Pd, Su alcune liste collegate al Presidente si può discutere, ci sono candidati che non voterei neanche se costretto.
"Non è che siccome non c'è D'Alema non c'è sinistra, non è che 'se non ci sono io non c'è sinistra'. Questo gruppo dirigente è plurale, il fatto che non ci sia D'Alema mi spiace per D'Alema ma non per il paese. Abbiamo cambiato passo dentro gruppo dirigente, serve una nuova sinistra per un nuovo futuro del paese". Lo afferma Renzi citando figure come Orfini al Pd e Orlando, Martina al governo come personalità provenienti dai Ds.
"Chi va via merita tutto il nostro rispetto ma andarsene per far cosa. Io voglio bene a Civati, ma sono andato a vedere sul suo sito ed è scritto aderisci a Civati, cioè aderisci a un cognome. Dicevano a me che personalizzo ma chi se ne va" sembra che faccia "formazioni personali".
"Abolire l'art.18 è di sinistra, stiamo facendo quello che hanno fatto Schroeder e Blair. La riforma dà nuove tutele: prima i precari non avevano ferie, mutuo e maternità mentre ora i diritti vengono stabilizzati". 

"Mi pare che di concreto dai 5 stelle ci sia poco, avevano detto discutiamo sull'Italicum ma hanno scelto l'Aventino. Il reddito di cittadinanza per tutti è una follia, intervenire contro la povertà è una cosa su cui stiamo lavorando ma per il prossimo anno", ha poidetto Matteo Renzi su una collaborazione con M5S sul reddito di cittadinanza.
   
Posta un commento