lunedì 12 gennaio 2015

Primarie Pd in Liguria, vince Paita ma Cofferati non ci sta

Raffaella Paita e Sergio Cofferati
GENOVA, 12 gennaio - Primarie fra le polemiche in Liguria dove, dopo una campagna dai toni duri, le urne hanno dato la vittoria a Raffaella Paita, attuale assessore regionale alle Infrastrutture e alla protezione civile.
Stando ai dati ancora ufficiosi, Paita ha battuto il suo diretto contendente, l'ex segretario della Cgil Sergio Cofferati per circa 4000 voti, ma il suo competitor non ha abbassato la guardia, annunciando di non riconoscere l'esito del voto in attesa che si pronunci il comitato di garanzia sulle "numerose segnalazioni di irregolarità" presentate.
Paita, tramite il suo portavoce, ha fatto subito sapere di essere molto contenta del risultato promettendo al suo elettorato e alla regione "anni rock".
Paita si è affermata nelle province di Imperia, Savona e La Spezia, la sua città; mentre Cofferati ha avuto successo a Genova e nel Tigullio. I seggi sono rimasti aperti dalle 8 alle 20 per consentire agli elettori di scegliere fra Raffaella Paita, Sergio Cofferati e Massimiliano Tovo del Centro Democratico.
Vincitori e vinti hanno commentato con molto favore l'alta affluenza alle urne. Sono andati a votare 55.000 elettori, sconfessando i timori iniziali di un forte astensionismo.

Ma le polemiche non si sono placate, alimentate durante la giornata da Cofferati, che durante la campagna elettorale ha attaccato l'endorsement della sua avversaria da parte di forze politiche che non aderiscono al centrosinistra. Cofferati ha denunciato la presenza ai seggi di stranieri, soprattutto cinesi e marocchini, oltre a "riconosciuti esponenti del centrodestra" denunciando quello che ha definito "un inquinamento molto pesante non solo per i voti della destra ma con il voto organizzato di intere etnie".
Posta un commento