sabato 28 febbraio 2015

ROMA, La Lega a Piazza del Popolo, Salvini all'attacco di Renzi






ROMA, 28 febbraio - "Il problema non è Renzi, lui è una pedina, è il servo sciocco a disposizione di Bruxelles". Matteo Salvini, dal palco della manifestazione della Lega contro il governo davanti  a 50mila persone, attacca il presidente del Consiglio. "E' la sfida a Renzi in casa sua. Renzi ha scelto i grandi, Confindustria, Autostrade, Marchionne, le società di gioco d'azzardo e Equitalia. Oggi lanciamo la sfida dell'Italia dei piccoli, dei medi, degli artigiani, degli imprenditori e dei produttori. Da Roma parte la sfida per conquistare il Paese. Oggi lanciamo un percorso, ma non solo per il centrodestra: ambisco a parlare a tutti, anche ai delusi di Renzi e agli ex grillini", ha detto il leader del Carroccio parlando a Piazza del Popolo. 
"La sinistra dice che non si possono toccare i vitalizi e poi approva una legge come quella Fornero", accusa Salvini dal palco. "Io vi prometto che quella legge la cancelleremo".
A me non piace il pensiero unico - aggiunge -. L'Italia non è Renzi, ma è gli artigiani e i commercianti. Renzi ha scelto Confindustria e il Sole 24 Ore. Noi stiamo con i piccoli. Avete visto che, con le riforme del prodigioso Renzi, l'Italia cresce dello 0,1%: un successone. E lo spread molto basso. Quanto avete pagato di meno il caffè perché lo spread è basso?".
I giovani di FI, a quanto si apprende dal movimento 'Azzurra Libertà', hanno interrotto la loro partecipazione alla manifestazione della Lega Nord in piazza del Popolo dopo esser stati "aggrediti e costretti a fuggire" da alcuni militanti presenti all'iniziativa. Il movimento giovanile azzurro, come annunciato questa mattina, era sceso in piazza, in accordo con il presidente Silvio Berlusconi, portando anche alcune bandiere di FI.












Posta un commento