venerdì 13 febbraio 2015

BAGHDAD, 8 kamikaze Isis irrompono in ex base Usa. Abbattuti


BAGHDAD, 13 febbraio - Otto kamikaze sono penetrati oggi in una base militare irachena dove centinaia di marines americani stanno addestrando i loro omologhi iracheni, ma sono stati uccisi  quasi immediatamente.
Sean Ryan, capo degli Affari Esteri per la coalizione militare guidata dagli Usa in Iraq, ha confermato che gli aggressori hanno tentato l’irruzione nella base aerea di Ain al-Asad a ovest di Baghdad, ma non sono riusciti ad arrivare "in nessun posto vicino" alle forze americane prima di essere uccisi.
Un funzionario della difesa degli Stati Uniti ha confermato che i militanti erano dell’Isis, che occupano posizioni a pochi km a nord est della base. Il funzionario ha detto le forze della coalizione sono rimaste almeno a un chilometro e mezzo di distanza dall'attacco e non erano state mai in pericolo. Ain al-Asad è una delle più grandi basi militari che gli Stati Uniti hanno usato in Iraq.
È rimasto poco chiaro come i militanti sisno riusciti a superare la barriera di sicurezza intorno alla base, che comprende torri di avvistamento, filo spinato, e un ingresso a ponte su un fiume.
A partire dalla fine dello scorso anno, ci sono circa 300 militari americani a Ain al-Asad. Il loro ruolo primario è quello di addestrare combattenti tribali a opporsi all’Isis. Gli americani alloggiano in un "angolo privato" del campo.

Un combattente della tribù Al Bu Nimr, centinaia dei quali sono stati massacrati da Isis nel mese di ottobre, ha detto:. "Sappiamo che Ain al-Asad non potrà mai cadere, mentre gli americani sono qui. Essi non permetteranno che accada. "
Posta un commento