lunedì 28 luglio 2014

PAKISTAN, nonna e due nipotine bruciate vive nella loro casa per blasfemia, per colpa di un post






GUJRANWALA (Pakistan) -  Tre persone, tutte donne,  della setta Ahmadi, tra cui due minorenni, sono state uccise ieri notte e altri quattro sono rimasti gravemente feriti a Gujtanwala nel Punjab,quando una folla inferocita ha attaccato e bruciato cinque case per una presunta blasfemia. Le vittime sono una donna di 55 anni, una ragazza minorenne e  una bambina di 7 anni, tutte bruciate vive. La donna era la nonna delle due ragazze. I feriti sono stati portati all'ospedale sede del distretto e la loro condizione è critica.
Il problema è iniziato con un messaggio presunto blasfemo postato su Facebook da un giovane Ahmadi, che è un movimento religioso islamico severamente discriminato in Pakistan che crede cisia un altro profeta dopo Maometto: la folla ha cominciato a protestare e alla fine ha attaccato e danneggiato le abitazioni appartenenti a membri di quella comunità.
"Più tardi, una folla di 150 persone è venuto alla stazione di polizia denunciando il caso di blasfemia ", ha detto un altro funzionario di polizia. "Mentre la polizia stavano negoziando, un'altra folla ha attaccato e ha iniziato a incendiare le case degli Ahmadi."
L’autore del post non è stato ferito. Il funzionario di polizia Zeeshan Siddiqi ha detto che le vittime sono morte per soffocamento e che una donna ha abortito durante i disordini. Il funzionario ha detto che la rivolta nella città di Gujranwala scoppiata dopo che il giovane Ahmadi aveva postato una foto blasfema della Kaaba, la struttura a forma di cubo nella Grande Moschea della Mecca, in Arabia Saudita, che i musulmani osservanti di tutto il mondo omaggiano in preghiera cinque volte al giorno. La foto presumibilmente conteneva nudità.
Salimuddin, un portavoce per la comunità Ahmadi, ha detto che era il peggiore attacco alla comunità dopo gli attacchi simultanei ai loro luoghi di culto che avevano causato 86 mortii quattro anni fa.
"La polizia erano lì, ma solo a guardare le fiamme. Non hanno fatto nulla per fermare la folla -  ha detto - Prima gli assalitori hanno saccheggiato case e negozi e poi hanno dato fuoco".
La controversa legge sulla blasfemia in Pakistan non definisce chiaramente una bestemmia, ma dice che il reato è punibile con la morte. Chiunque può presentare un caso di blasfemia sostenendo i loro sentimenti religiosi sono stati feriti per qualsiasi motivo.
Gli accusati sono spesso linciati, e avvocati e giudici che li difendono sono stati pure loro attaccati. Gruppi per i diritti dicono che le leggi sono sempre più utilizzate per sottrarre denaro o beni.

Due politici che hanno suggerito la riforma della legge sono stati uccisi, uno dalla propria guardia del corpo. Il numero di denunce è in aumento, secondo uno studio 2012 dal think tank con sede a Islamabad, il Centro per la ricerca e gli studi sulla sicurezza. Nel 2001, c'era solo una denuncia, ma nel 2011  sono state 80. dati più recenti sono disponibili, ma 2014 sembra destinata a essere un record.
Posta un commento