martedì 3 giugno 2014

Test del Dna sui figli di Meriam condannata a morte in Sudan per conferire la cittadinanza Usa del padre

Meriam con il marito Wani, cittadino Usa
KARTHOUM - Il marito americano della donna sudanese condannata all'impiccagione per apostasia dovrà fornire prova del DNA che egli è il padre dei suoi due figli: lo ha confermati  un funzionario Usa.
Il portavoce del Dipartimento di Stato  Jen Psaki ha finalmente riconosciuto che Daniel Wani è un cittadino statunitense, dopo aver rinunciato al diritto alla privacy, e ha detto che stava ricevendo aiuto dalla ambasciata degli Stati Uniti a Khartoum.
Wani ha incontrato ieri funzionari dell'ambasciata, ha rivelato Psaki  aggiungendo che "siamo stati impegnati con lui dal giugno del 2013 e siamo stati in contatto regolare con lui durante tutto il processo."
Sua moglie, Meriam Ibrahim, che è cristiana come il marito, è stata condannata a morte il 15 maggio sotto la legge della sharia islamica che è  in vigore dal 1983 e considera le conversioni fuorilegge e punite con la pena di morte.
In carcere, la donna ha dato alla luce la scorsa settimana la loro seconda figlia, una bambina. Anche il primo, 20 mesi, è in prigione con lei.
Psaki ha detto che il Dipartimento di Stato non aveva ancora tutte le informazioni necessarie per conferire la cittadinanza degli Stati Uniti ai due neonati. "Per trasmettere la cittadinanza statunitense a un bambino nato all'estero, ci deve essere, tra gli altri requisiti, una relazione biologica tra il bambino e un genitore cittadino degli Stati Uniti o dei genitori", ha detto ai giornalisti Psaki, citando l'Immigration and Nationality Act degli Stati Uniti. La legge "autorizza il dipartimento per richiedere qualunque ulteriore prova potrebbe essere necessario per stabilire la cittadinanza degli Stati Uniti. Test genetici sono uno strumento utile per verificare una relazione biologica", ha aggiunto.

Psaki ha aggiunto che il segretario di Stato John Kerry è "seriamente preoccupato" per il caso e ha promesso di continuare a lavorare con Wani "per aiutarlo come cittadino degli Stati Uniti".
Posta un commento