mercoledì 4 giugno 2014

La classifica dei Paesi infelici: primo Iraq, secondo Iran


Un frame del video messo on line da giovani iraniani che ballano "Happy" di Pharrel William e per il quale sono stato arrestati: un simbolo, secondo Gallup dell'infelicità e della rabbia degli abitanti di quel Paese
WASHINGTON -. La tempesta mediatica che è scoppiata dopo che la polizia ha arrestato sei giovani iraniani per aver ballato  la canzone di Pharrell Williams "Happy" in un video online ha spinto il presidente iraniano Hassan Rouhani a scrivere s un tweet:  "La felicità è diritto del nostro popolo, non dovremmo essere troppo duri sui comportamenti causati dalla gioia ". La leadership iraniana ha ragione di essere preoccupato per la felicità del paese. La più recente classifica di Gallup sulle emozioni positive trova l'Iran al 93 posto su un elenco di 138 paesi. E gli Iraniani soffrono anche le più alte emozioni negative nel mondo, secondi solo all'Iraq. Ecco la classifica dei paesi più infelici, secondo Gallup:


Gallup ha misurato le emozioni negative in 138 paesi nel 2013 chiedendo alle persone se hanno sperimentato rabbia, stress, tristezza, dolore fisico, e  preoccupazione. Gallup inserisce i "sì"  in un punteggio che segna l’indice negativo per ciascun paese. Più alto è il punteggio, più diffuse sono le emozioni negative in un paese e quindi l’infelicità.
Gli iraniani hanno tutto il diritto di sentirsi infelici, visto l'elevato tasso di disoccupazione accoppiata con inflazione elevata nel loro paese che ha paralizzato la loro capacità di provvedere alle loro famiglie, insieme alle sanzioni internazionali e al programma nucleare che ha colpito i loro mezzi di sussistenza. Inoltre, il 48% degli iraniani nel 2013 ha detto che non consiglierebbero la  loro città o la zona in cui vivono ad un amico o socio come un posto dove abitare.
Dell’Iraq, inutile parlare (e spiegare). Stupisce un po’ (anche se la crisi economica è stata dirompente) il quarto posto della Grecia, addirittura davanti alla Siria.
Posta un commento