giovedì 4 dicembre 2014

NEW YOTK, un gran giurì proscioglie un poliziotto che ha ucciso un nero e la gente scende in strada (come a Fergusson)


Eric Garner viene bloccato dai poliziotti e uno, in calzoncini corti, lo stringe al collo. Morirà soffocato
NEW YORK - Migliaia di manifestanti hanno dimostrato in tutta New York City ieri sera, dopo che un gran giurì aveva deciso di non incriminare un ufficiale del NYPD per la morte di un nero di Staten Island, creando ulteriore tensione dopo gli episodi di Fergusson nel Missouri. Diverse persone sono state arrestate a New York in serata. Altre manifestazioni ci sono state anche in altre zone di Manhattan e a Staten Island,il luogo dove il 17 luglio è morto Eric Garner per mano di un poliziotto e in altre città degli Usa.
Eric Garner, 43 anni era morto il 17 luglio, dopo che il poliziotto Daniel Pantaleo aveva tentato di arrestarlo con l'accusa di vendita di sigarette di contrabbando. Un video di un telefono cellulare registrato da un testimone aveva mostrato Pantaleo che stringeva al collo Garner, una violazione della politica comportamentale del NYPD.
Il medico legale aveva stabilito che la successiva morte di Garner era un omicidio e la presa al collo il fattore che ave contribuito al decesso. Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato mercoledì sera che si aprirà un ulteriore procedimento per violazione di diritti civili sul caso. Le proteste si sono svolte su una vasta area di Manhattan, da Union Square a Columbus Circle a Upper West Side.
Una folla di manifestanti ha bloccato la West Side Highway nei pressi di 51st Street, arrestando il traffico per un breve periodo a tarda sera. L'ingresso al Lincoln Tunnel è stato anche brevemente bloccato intorno alle 23:30.
Almeno una persona è stata ferita quando i manifestanti sono stati bloccati con reti e cancelli sulla 48th Street. La polizia ha detto che circa 30 persone sono state arrestate in tutta Manhattan.
Un folto gruppo di manifestanti si sono riuniti in Times Square, in possesso di cartelli con la scritta"Vogliamo un atto d'accusa" e  cantando "Mani in alto, non sparare" e "Non riesco a respirare" , una frase Garner è stato sentito dire più volte prima della sua morte.

Parte della folla si è diretta verso la cerimonia di illuminazione dell'albero di Natale al Rockefeller Center, anche se la polizia di New York ha mantenuto i manifestanti lontano dal dall'evento reale. Alcuni dei manifestanti, facendo riferimento alla cerimonia gridava: "Non c'è giustizia, nessun albero". I manifestanti sono anche scesi in piazza nel quartiere Tompkinsville di Staten Island, dove è accaduto l'incidente. Diverse persone hanno cantato, "Non riesco a respirare", la frase pronunciata da Garner è stato sentito dire prima di collassare.
Posta un commento