domenica 1 giugno 2014

Preso a Marsiglia francese jihadista armato: è l’autore della strage al museo ebraico di Bruxelles

BRUXELLES - L'attentatore ripreso dalle telecamere di sicurezza del museo
BRUXELLES - Un francese armato di kalashnikov e di una pistola è stato arrestato a Marsiglia per la strage del museo ebraico di Bruxelles. Si chiama Mehdi Nemmouche e sarebbe stato in Siria nel 2013 con dei jihadisti. L'uomo ha 32 anni ed è originario di Roubaix, nel nord. Sarebbe stato schedato come seguace della jihad islamica in Siria dai servizi interni francesi (DGSI). Venerdì, si apprende, è stato posto in stato di fermo per omicidio plurimo in collegamento con un'impresa terroristica.  Lui si è attribuito la strage.  In un video di 40 secondi sequestrato a Nemmouche, il sospetto inquadra le armi in suo possesso e si sente la sua voce che dice: "Al museo ebraico la telecamera non ha funzionato". Ma lui, però, continua a mantenere il silenzio, ha riferito il procuratore di Parigi, Francois Molins. 
L'uomo è dunquw l'autore della strage del 24 maggio, quando quattro persone furono uccise nel Museo ebraico di Bruxelles. Il francese ha 29 anni ed è originario di Roubaix, nel nord. E' stato arrestato alla stazione ferroviaria marsigliese di Saint-Charles dai servizi doganali, che l'hanno trovato su un pullman proveniente da Amsterdam e Bruxelles. Aveva in valigia un fucile kalashnikov e una pistola con munizioni dello stesso tipo di quelli usati nella strage.
L’autobus era stato ispezionato dai doganieri per un controllo antidroghe . Nel bagaglio del giovane poi arrestato, sono stati trovati il kalashnikov , la pistola e munizioni del tipo utilizzato nella capitale belga 
 Tra i suoi vestiti , ce n’era anche uno simile a quella indossato dal tiratore del Museo Ebraico, filmato dalle telecamere di sicurezza. Fra le iscrizioni trovate sul telo che avvolgeva il kalashnikov sequestrato a Nemmouche, quella di "Stato islamico in Iraq e nel Levante", un gruppo jihadista attivo soprattutto in Siria, dove il sospetto ha soggiornato presso gruppi combattenti dalla fine del 2012 per oltre un anno "prima di far perdere le tracce".
Nemmouche Mehdi , che dice di essere senza fissa dimora , è in carcere con l'accusa di omicidio e tentato omicidio in relazione con un'impresa terroristica . Durante le prime 24 ore , è rimasto in silenzio . La detenzione , iniziata venerdì a mezzogiorno , può durare 96 ore , vale a dire fino a martedì o 144 ore fino a giovedi , se gli investigatori invocheranno una minaccia terroristica imminente. L’uomo era anche conosciuto per atti di microcriminalità . Fu imprigionato 2007-2012 a Grasse e Salon de Provence per rapina aggravata: complessivamente era stato in carcere 5 volte. François Hollande si è congratulato con la polizia
L'uccisione del Museo Ebraico di Bruxelles ha causato tre morti sabato 24 maggio , una coppia israeliana, un volontario francese . Un impiegato belga è ancora in coma . Dopo la sparatoria , che ha suscitato grande emozione al di là Belgio , le autorità  avevano fatto appello al popolo per trovare l'attentatore . Le sinagoghe era state mese in sicurezza assieme alle  scuole ebraiche e ai centri culturali ebraici del paese, ma questi luoghi hanno continuato a funzionare . Il museo riapre martedì.
Posta un commento