venerdì 1 agosto 2014

RIFORME, il M5S abbandona (per sempre) i lavori

Vito Petrocelli
ROMA - "Il governo ha calpestato i nostri diritti, abbandoniamo i lavori". I senatori grillini lasciano nuovamente l'Aula del Senato. In mattinata le opposizioni se n'erano già andate ed erano poi tornate in Aula accogliendo l'invito del presidente Pietro Grasso.
"Non parteciperemo mai più ai lavori sul ddl riforme: nel momento in cui oggi è stata annullata l'ipotesi di un Senato elettivo ci concentreremo sulle questioni sostanziali" del Paese. Lo annuncia il capogruppo M5S Vito Petrocelli giungendo in sala stampa e davanti alle tv assieme a tutti i senatori del gruppo pentastellato. E sottolinea come il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi abbia incontrato le altre opposizioni ma non abbia "voluto" vedere i 5S. "Questa era l'ultima cosa che potevamo tollerare, Renzi si gingilli pure con i suoi tweet", sbotta Petrocelli.

"E' una maggioranza schifosa, Renzi prende in giro il Paese" sottolinea il capogruppo del M5S. "Non è un Aventino", precisa Petrocelli spiegando che il gruppo lavorerà a tutti gli altri provvedimenti. Ma, è la sua accusa, "le regole sono state calpestate, l'azione del governo e della maggioranza è stata autoritaria, chi rappresenta i cittadini non può essere complice".
Posta un commento