martedì 5 agosto 2014

RIFORME: via libera ieri a tarda ora all’immunità dei nuovi senatori. E niente indennità

Il ministro delle riforme Maria Elena Boschi
ROMA - Via libera ieri a tarda ora dell'Aula del Senato anche all'art. 9 del ddl sulle riforme, relativo alla previsione dell'indennità parlamentare per la sola Camera dei deputati. L'indennità dei futuri senatori viene così esclusa. Il sì dell'Aula giunge con 193 voti favorevoli, 9 contrari e 8 astenuti.
L'Aula del Senato ha bocciato tutti gli emendamenti aggiuntivi all'art. 8, relativi all'immunità. Il testo della Commissione Affari Costituzionali resta, su questo punto, quindi invariato: per i membri del futuro Senato, così come per i deputati, è prevista l'immunità.

Matteo Renzi è molto soddisfatto per come al Senato procedono le votazioni sulle riforme, in particolare sul fatto che oggi si è deciso che i futuri senatori non avranno indennità e sulla durata dei senatori di nomina presidenziale. "Si cambia davvero", afferma il premier facendo suo il tweet del responsabile Comunicazione Pd Nicodemo.
Posta un commento