lunedì 6 ottobre 2014

Forse un malore la causa della morte in moto sul GRA dell’ex pilota di F1 ANDREA DE CESARIS

Andrea De Cesaris
ROMA - Lutto nel mondo della Formula Uno e dei motori: e' morto Andrea De Cesaris. L'ex pilota dei bolidi da pista, 55 anni, nativo di Roma, ha perso il controllo della moto che conduceva ed e' finito contro la barriera in cemento che delimita le corsie del GRA in quel tratto. L'incidente e' avvenuto nel pomeriggio di ieri in zona Bufalotta. Il decesso è stato pressochè istantaneo, subito dopo l'impatto contro il jersey in cemento.
Sul posto e' intervenuto personale della Polizia stradale per i rilievi del caso, e dalle prime indagini non sembra ci siano responsabilità di terzi o comunque che nell'incidente siano rimasti coinvolti altri mezzi. Può darsi che all'origine di tutto vi sia stato un malore oppure una distrazione dell'ex pilota, o ancora un'improvvisa avaria al mezzo che l'ha portato ad andare a sbattere contro la barriera.
Il debutto nel 'circus' risale al 1980. Come molti suoi colleghi proveniva dal mondo del karting. La sua aggressività era nota, tanto da fargli meritare l'appellativo di 'Mandringò. Il primo Gp lo disputa in Canada, sul circuito di Montreal, al volante dell'Alfa Romeo 179C: del team fa parte anche Bruno Giacomelli. Dopo un'impressionante qualifica (8/o in griglia), De Cesaris è costretto al ritiro per un problema al cambio. Nel 1981 De Cesaris viene ingaggiato dalla McLaren, passata sotto la guida di Ron Dennis e del ds John Barnard. Il suo compagno di scuderia è l'esperto irlandese John Watson. Non sarà un'esperienza da ricordare, soprattutto per i numerosi incidenti.

Nel Gp di San Marino, a Imola, De Cesaris conquista al termine della gara un prezioso 6/o posto. È il suo primo piazzamento a punti in F1. Successivamente viene sostituito da Niki Lauda, al rientro in F1 dopo due titoli iridati con la Ferrari. Conclusa la deludente stagione 1981 alla McLaren, De Cesaris torna all'Alfa Romeo, il team che lo aveva lanciato in F1 un anno prima. È un grande rientro. Al Gp degli Stati Uniti, De Cesaris conquista la prima e unica pole della carriera, proprio davanti a Lauda. In gara, però, lo ferma il solito incidente.


La sua carriera in F1 si chiude nel 1994, sull'Alfa Romeo (con la quale conquista un secondo posto nel Gp del Sudafrica 1983), ma aveva anche guidato la Ligier, la Minardi, la Brabham, la Dallara, la Rial, la Jordan, la Tyrrell e una Sauber. Oggi la sua ultima corsa, interrotta tragicamente nei pressi della Bufalotta.
  
Posta un commento