mercoledì 15 ottobre 2014

BENGASI, filo-governativi all’attacco di Ansar al Sharia

Un carro armato filogovernativo in azione su una strada di Bengasi
BENGASI -  Nuovi violenti combattimenti sono scoppiati oggi allo scalo Benina di Bengasi tra gli jihadisti di Ansar al Sharia (che controllano la maggior parte della città) e le forze speciali del generale Khalifa Haftar, filo-governative. Almeno 22 persone, quasi tutti soldati, sono stati uccisi nel corso delle ultime 48 ore, secondo fonti militari e ospedaliere citate da Agence France-Presse. Ieri sette soldati sono stati uccisi in un attentato nei pressi dell'aeroporto, secondo un portavoce delle forze fedeli all'ex generale che stamani aveva annunciato la controffensiva. I caccia bombardano Ansar, causando "gravi perdite" tra i miliziani, riferisce l’agenzia Mena. Haftar aveva annunciato che era pronto a "liberare" la città orientale , che è stata conquistata dalla milizia islamista conosciuta come il "17 february Martyrs Brigade", tra gli altri. Haftar aveva lanciato una offensiva militare soprannominato "Operazione Dignità" contro gli islamici a Bengasi in maggio, ma con scarso successo.
Si tratta della peggior battaglia a Bengasi degli ultimi mesi. Un membro di Ansar Al-Sharia. Mustafa Sweidi è stato ucciso, presumibilmente, per il suo ruolo sospettato nell'omicidio di Intisar Al-Ojali e suo figlio di 17 anni, ieri.
Le imprese sono stati attaccati. Il rinomato ristorante Kudu in via Dubai è stato colpito da un razzo questa mattina presto ,a quanto pare perché la sua gestione avrebbe dato sostegno sostegno ad Asnar Al-Sharia. Anche delle abitazioni di uomini d'affari di Bengasi che si ritiene siano di supporto ad Ansar sono state date alle fiamme. 

Altrove a Bengasi, dove i combattimenti non hanno avuto luogo, le strade sono deserte. C'è un periodo di calma relativa negli scontri, ma i residenti hanno detto che si stanno preparando per quello che può avvenire più tardi.
Posta un commento