mercoledì 15 ottobre 2014

RIAD, niente terrorismo, l’americano ucciso da un dipendente licenziato

Il corpo dell'americano ucciso ancora nell'auto
RIAD - L'assassino dell'americano, ucciso martedì a Riad, non è "legato a organizzazioni terroristiche". Lo ha precisato il portavoce del ministero dell'Interno dell'Arabia Saudita, confermando che il presunto assassino, Abdelaziz Alrachid Fahd, 25 anni, era "un saudita nato negli Stati Uniti" che "era stato licenziato" da una società per la quale lavoravano l'americano ucciso e un altro ferito nello stesso attacco.

L’arrestato ha aperto il fuoco contro l'auto dei due americani in una stazione di servizio vicino a King Fahd Stadium nella parte orientale di Riyadh martedì pomeriggio. Una delle vittime è morto, mentre il secondo ha subito lievi ferite. Erano dipendenti di una società in parte americana che addestra le truppe della Guardia nazionale saudita dal 1975. L’omicida era stato licenziato per cattiva condotta.
Un posto di blocco della polizia di Riad vicino al luogo della sparatoria

Posta un commento