martedì 18 agosto 2015

ESTERI/ LA BOMBA DI BANGKOK contro l'economia e il turismo del Paese



BANGKOK, 18 agosto - E' di almeno 22 morti e 123 feriti, tra cui nove stranieri, il bilancio dell'attentato di ieri nel centro di Bangkok. "Vogliono distruggere l'economia e il turismo", afferma il governo thailandese. Cinque kg di tritolo sono scoppiati sotto una panchina a un incrocio vicino tra un tempio e un centro commerciale nell'ora di punta. La polizia visiona un filmato con un sospetto che abbandona una borsa sul luogo. Un uomo e una donna malese sono  tra i nove cittadini stranieri rimasti uccisi. I due sono Neoh Jai Lim Aun e Saw Sek, che si ritiene fossero in vacanza a Bangkok.
I morti includono poi due cittadini cinesi, due di Hong Kong, due altri malaysiani, una di Singapore. Gi altri sono thai.
Valentina Bortoletto

Italiana scampata, 'boato fortissimo'" - "La città ora sembra avvolta da un silenzio irreale. Qui è notte, si prova a dormire. #Bangkok". Così Valentina Bortoletto, una giovane trevigiana in vacanza in Thailandia, ha raccontato dal proprio profilo Twitter il clima nella capitale poche ore dopo l'esplosione. La ragazza, che lavora all'ufficio stampa della casa editrice 'Marsilio', è scampata per miracolo all'attentato: si trovava a 200 metri di distanza. "Siamo a #Bangkok, stiamo bene. A pochi metri dal luogo dell'esplosione, si è sentito un boato fortissimo", ha scritto in un tweet poco dopo la deflagrazione. Aggiungendo pochi istanti dopo: "Vetri ovunque, polizia, ambulanza, persone in panico. Una situazione irreale". "'Una bomba contro i turisti' - ha aggiunto, proseguendo nel suo racconto in diretta - E la cosa terribile è che i turisti qui, ora, siamo anche noi".
Posta un commento